domenica 28 agosto 2011

Nella pattumiera si nascondono potenziali gioielli

Questo è il titolo dell'articolo pubblicato da Lucia Landoni 
sul quotidiano locale La Prealpina .

Ringrazio ancora la giornalista per la pubblicità che mi sta facendo e ringrazio anche chi ha mandato e.mail di complimenti.
In questi giorni mi sono dedicata all'aggiornamento delle foto sul sito. 
Mi sono resa conto che in questi anni ho creato tanti oggetti e collane che non ho mai catalogato.
Non ci sono i biglietti di auguri e nemmeno i segnaposto a forma di cuore in resina e gli alberelli nei flaconcini;  le decorazioni per gli alberi di Natale fatte con i sacchetti dei surgelati e nemmeno quelli fatti con i tubetti; gli alberi di Natale in panno sul supporto dei cd e i presepini con i gommini paracolpi che trovo nei cd.

Quelli che ho raccolto li potete trovare pubblicati su Picasa al seguente link
Da domani però tornerò a "creare"...


giovedì 25 agosto 2011

Essere al posto giusto nel momento giusto


...una domenica passata nel caldo torrido, a farsi pungere dalle zanzare, un mercatino nel quale passeggiano poche persone, gara di torte fatte in casa, il mago che crea bolle di sapone giganti, tiro a freccette, un coniglietto ariete che vuole scappare dalla sua gabbia....attimi di una domenica....
le poche persone si fermano a vedere la bancarella rimanendo stupite delle creazioni che vedono.....
MOOOLTI complimenti, TAAANTE chiacchiere ...attimi di una domenica....
una coppia, marito e moglie, prende un biglietto da visita e......

FINISCI IN PRIMA PAGINA SUL GIORNALE ON-LINE  REPUBBLICA.IT!!!

La coppia sono i genitori di Lucia Landoni, giornalista che scrive su Repubblica.
Hanno descritto i miei lavori alla figlia, che ha guardato il mio sito.
 Il resto lo potete vedere collegandovi al link

Ricevo un sms:"Beh! Complimenti!!!!Ma lo sapevi già o è stata una sorpresa? 
Tra poco cambierai lavoro!....
E' stato il primo di una serie di sms e di e.mail che ho ricevuto ieri.

Devo ringraziare Lucia Landoni per avermi fatto trascorrere un PIACEVOLISSIMO pomeriggio

martedì 9 agosto 2011

Marghet-Ore


Questo è il mio orologio Marghet-Ore. 
Mi sono ispirata alla margherita e l'ho realizzato con i 
coperchi ovali dei formaggi e carta velina.



Descriverò la sua realizzazione anche se l'ho già terminata:
 spero di riuscire a dare tutte le informazioni corrette e non saltare passaggi fondamentali.

Occorrente:

6 coperchi di plastica di forma ovale 
1 contenitore dello stesso prodotto: deve essere alto circa 3 cm
nastro adesivo di carta
carta velina o carta da cucina o carta da pacchi: io ho utilizzato la velina che riempiva l'interno di una borsa che ho acquistato.
Vinavil diluito con acqua. Io ho usato 1 parte di vinavil e 3 di acqua; se si usa una carta più spessa occorre diluire di meno
Colore acrilico bianco
Colore acrilico giallo
Colore acrilico nero o numeri adesivi
Vernice protettiva
Meccanismo per l'orologio






Ho disposto il contenitore al centro
a rovescio perché deve contenere il meccanismo dell'orologio,
e i coperchi a raggiera seguendo la posizione delle ore con i numeri pari












Ho bloccato il tutto con il nastro carta, pigiando bene per farne una base ferma











Ho ricoperto il tutto con la carta velina, sia la parte sopra che quella sotto, usando vinavil diluito con acqua. È il procedimento della cartapesta: ho incollato più fogli di carta, lasciandola asciugare tra una passata e l'altra. Avendo usato la carta velina ho fatto 6 passate


Ho cercato di lisciare le pieghe (con scarso risultato: volevo terminare il lavoro velocemente!!). Ho lasciato asciugare per una settimana
(ma questo è dipeso dal tempo che ho potuto dedicare a questo lavoro...)




A questo punto ho colorato tutto con il colore acrilico bianco: io non so dipingere ed è difficile sbagliare colorando di bianco!
Ho colorato poi la parte del contenitore capovolto 
di giallo, sfumando il colore verso i petali.
Ho disegnato i numeri corrispondenti alle ore
 con il colore nero.
Ho passato quindi su tutta la margherita la vernice protettiva trasparente.















Ho fatto un foro al centro,
ho montato il meccanismo dell'orologio ed ecco finita la mia....

  Marghet-Ore !!!!


Non solo portavasi....ma anche una collana!!!

Quando creo qualcosa finisco sempre col farne anche una collana...oppure orecchini...o anche anelli...sono un po' monotona.
Ho usato i rotolini avanzati dai portavasi, li ho passati con acqua e vinavil e con una vernice protettiva.
Per arricchirli ho aggiunto le mie paillettes di bottiglia ( potevano mancare?!!)
Le ho poi fermate con una perlina e come cordino....ho usato il filo delle cuffiette acustiche (rotte)
Per l'anello e gli orecchini ho usato le basi da bigiotteria



Queste invece le ho fatte facendo i rotolini molto più sottili....alti 1/2 cm e più ampi.... utilizzando carta da pacco... effetto "stile etnico"...


Portavasi

Ho realizzato alcuni portavasi come questo un po' di tempo fa. Sono piaciuti a molte persone e quindi, pensando alla soddisfazione che ho ricevuto, ho deciso di condividerla con voi e cercherò di darvi le spiegazioni più dettagliate possibili per riprodurlo.





Occorrente:

  • Depliant pubblicitari che riempiono le nostre cassette postali.
  • Contenitore per CD: io li recupero dal lavoro, dove ne usiamo molti, ma  può essere usato un contenitore qualsiasi con forma regolare
  • Vinavil
  • Vernice trasparente tipo flatting per isolare 
  • Taglierino
  • Elastici 
  • Pennello 








Ritaglio i depliant a strisce alte 3/4 cm















Ripiego le estremità  verso la metà interna













Arrotolo le strisce fino a formare dei rotolini, aiutandomi con del vinavil diluito con un po' di acqua












Quando ne ho preparati "mooooolti" li incollo sulla campana dei cd: immergo i rotolini nel vivavil puro e li metto il più vicino possibile, cercando di non lasciare spazi. Mi aiuto con degli elastici per mantenerli fermi











Quando ho ricoperto tutto il barattolo, passo ancora del vinavil diluito con acqua utilizzando un pennello. 













Lascio asciugare per alcuni giorni. 
Infine passo anche una vernice protettiva isolante per rendere il tutto impermeabile e lascio asciugare ancora


sabato 6 agosto 2011

Due stelline per l'estate

Questi orecchini sono fatti semplicemente utilizzando 
il fondo di una bottiglia piccola sagomata e scaldata per ottenere la forma di stella. 
Ho messo due perline al centro, dopo averlo forato,
 usando il filo di naylon e alcune prima di inserire le basi degli orecchini
Semplici....

Con i colli delle bottiglie...


Dopo aver utilizzato i fondi delle bottiglie per creare fiori e stelle, la struttura per farne le paillettes e i tappi per i bottoni, cosa faccio dei colli, duri e poco maneggevoli? 
Ne ho infilati alcuni su un tubo di plastica per una collana alternativa: il risultato visivo ottimo ma poco pratica perché si sfilano e ne devo perfezionare la chiusura. 
Con quelli verdi lo scorso Natale ho creato un alberello, ma con quelli colorati....?
L'altra sera stavo usando la pistola termica ed ecco, trovata l'idea!!!
Li ho scaldati per poterli schiacciare, forati e questa è la collana risultante.



Occorrente 


4 colli di bottiglia arancio e pistola termica 



filo di naylon, paillettes di bottiglia verdi,
cordino e perline arancio, 
3 perle di cartapesta (fatte da me)

Realizzazione

Ho rifilato i colli di bottiglia alla base e li ho scaldati con la pistola termica; 
quando erano ancora caldi li ho premuti, mettendoli tra due pezzi di stoffa, 
con un peso ( il classico batticarne). 
Infine con il trapanino ho fatto un foro ai due lati.

Il risultato è questo
Usando il cordino arancio  ho infilato  il collo di bottiglia bloccandolo con un nodo prima e dopo il foro;
a distanza di 10 cm ho aggiunto la perla di cartapesta fermandola anch'essa con i nodi.



Li ho alternati fino ad ottenere un filo lungo circa 1 m. 
Ho infilato quindi le perline arancio con il con il filo di naylon e
 le ho passate nel foro delle perle di cartapesta e nei nodi dei colli. 
Allo stesso modo ho infilato un filo di paillettes verdi 


Ho chiuso la collana con un asola fatta con il cordino


La mia tenda in cameretta










Dopo un anno e dopo aver cambiato mille progetti, ho finito la tenda che serve per nascondere una scarpiera.










Avevo iniziato pensando a disegni da riprendere con lo scanner ripetuti più volte, da stampare su carta tessuto, ma data la mia scarsa capacità nel disegno, avevo abbandonato l'idea.
Qualche mese fa, riordinando un armadio, ho trovato un pezzo di stoffa a righe: ecco la mia tenda a costo zero!

Roberto mi ha disegnato alcune sagome di gatto che ho riportato su scarti di stoffa nera e poi ritagliati 












Mia mamma Lucia l'ha cucita ed io l'ho decorata con questi gatti 
cucendoli a mano, seguendo una linea verticale






Avrei potuto fare sicuramente qualcosa di meglio ma il risultato mi sembra comunque buono.

venerdì 5 agosto 2011

Collana, braccialetto e orecchini di paillettes di bottiglia

Per la mia collezione estiva ho realizzato questo insieme di collana,
braccialetto e orecchini
 fatti con le solite paillettes di bottiglia e anellini di alluminio. 
Ne ho realizzate di diversi colori e le mie preferite sono quelle azzurre e arancio, 
ma anche quelle blu e le verdi non sono male: 
mi piacciono tutte!!!

  

Vi spiego come le ho realizzate

Occorrente:

Anellini di alluminio
che recupero da flaconcini
Paillettes di bottiglia

Perle argentate grandi
(da bigiotteria)


filo di naylon e
filo elastico trasparente



Anellini, schiaccini, catenella,
chiusura per collana, 

basi per orecchini

 ago grosso da lana, pinze
Realizzazione

Preparo un modulo che ripeto più volte:
 con un ago grosso e il filo di nylon
 infilo un anello di alluminio, 
20 paillettes di bottiglia 
e poi ancora un anello di alluminio




Lo ripeto a seconda della lunghezza che voglio ottenere

 Per la mia collana ho usato 15 moduli. 

All'inizio e alla fine metto una perlina argentata grande che mi serve per bloccare gli anelli di alluminio che hanno 
il foro grosso. 
Metto poi alcuni cm di catenella e la chiusura




Per gli orecchini utilizzo un solo modulo, 
fatto con solo 12 paillettes, 
che attacco alle basi degli orecchini




Per il braccialetto utilizzo il filo elastico 
e non uso le perline. 
La chiusura la faccio semplicemente 
con dei nodi.


Questo è il risultato finale

 




Vasetti portacandele


Prendendo spunto dall'alberello che ho realizzato lo scorso Natale, e che rifarò sicuramente anche quest'anno,



ho pensato a questi porta lumini per rallegrare una tavola.
                                            in queste sere estive possono sono utili ma, 
facendoli con la bottiglia rossa, 

potranno essere usati anche nel periodo natalizio.









Occorrente: 
Vasetti di vetro che possono contenere una candelina ( io ho utilizzato quelli degli omogeneizzati che davo al mio cane ) 
Forbici
Bottiglie di plastica colorate
Pistola termica
Filo di ferro e pinze
Fiori e decorazioni 











Prima di tutto taglio la bottiglia cercando di fare 
un lungo filo: 
come si fa quando si vogliono sbucciare le mele. 

















Avvolgo il filo ottenuto attorno al vasetto di vetro 
alcuni giri

Con la pistola termica  comincio a scaldare  
il filo di bottiglia perché in questo modo si incolla 
al vetro e non scivola via. 

Continuo fino a quando tutto il vasetto è ricoperto.










Si possono mettere più colori: in questo caso bloccare
 il filo facendolo passare sotto gli altri prima di fonderlo 
con la pistola. 




Se si vogliono  appendere i vasetti occorre creare con il fil di ferro un gancio (magari in seguito farò un tutorial apposta)









Si possono lasciare così oppure decorare 
con fiorellini di plastica o conchiglie