sabato 14 luglio 2012

In pausa creativa

In questi giorni non sono in fase creativa ma sto cercando di riordinare la mia cameretta-studio, discarica personale.  Quando lavoro sono molto disordinata ma se decido di ripulire,  ogni singolo spillo ritrova la sua giusta collocazione.

Mi sono accorta che sono ancora troppi gli imballaggi che ci circondano: oltre ai vari tappi, dal lavoro recupero carta da pacco, fogli di cartone ondulato e cartoncini bianchi, sacchetti di plastica trasparenti e fogli di pluriball, patatine di polistirolo e molto altro ancora.
Ma sono proprio necessari tutti questi involucri? Non so cosa rispondere. 
Per quanto riguarda casa mia non uso più bottiglie di plastica, compro alimenti freschi per avere pochi imballi, non uso shopper ma borse di stoffa: ma tutto questo non basta.
Un esempio:  un paio di collant (riposanti 140 den per gli acciacchi dell'età) sono confezionati in una scatola di cartone, poi in una bustina di plastica e con un cartoncino bianco all'interno. Non è troppo??
Per fortuna recupero il cartoncino per farne biglietti e la bustina di plastica per proteggerli!...


Dopo queste divagazioni e riflessioni vi regalo questa storia che mi è arrivata oggi via mail dal mio amico Sergio: anche qui si possono trovare spunti di riflessioni...






















10 commenti:

  1. Bellissimo! Grazie per averlo condiviso!
    Per quanto riguarda invece l'ordine nel tuo spazio lavoro, quanto ti invidio! Io sono alle prese con un tentativo di decluttering che per ora sembra non andare da nessuna parte: non riesco a mettere in ordine le cose che uso, meno che mai quelle che non voglio buttare e che vorrei riciclare... Una cosa che ho capito è che anche per mettere in ordine bisogna seguire l'ispirazione: quando arriverà, spero di ottenere qualche risultato. Per il momento, un po' come te, ... rifletto.
    Ciao, e grazie per il bel post!
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche nel mio riordino c'è un tentativo di decluttering: guardo l'oggetto, penso "lo posso recuperare facilmente facendo un passaparola al lavoro? se la mia risposta è SI', ma proprio un SI' convinto, lo butto altrimenti finisce spostato in un'altra scatola!

      Elimina
  2. hai ragione, ci sono cose che veramente hanno troppe confezioni una sull'altra...io sto perseguendo una mia personale battaglia a suon di lettere con la Coop (unico supermercato che frequento, preferisco rivolgermi ai negozi e ai coltivatori che fortunatamente nella mia zona, nonostante sia alla periferia di Milano, ancora ci sono) in cui lamento questo spreco, ovviamente lo faccio sui loro prodotti...ma sarebbe da fare con tutti

    RispondiElimina
  3. e per fortuna la Coop mette nelle sue confezioni dove buttarle!...
    In molte confezioni non si capisce perché non usino materiale completamente riciclabile e mettano indicazioni su come smaltirle!
    Mi hai dato un'idea: comincerò a compilare le richieste per i suggerimenti che mettono nei supermercati!

    RispondiElimina
  4. Ciao Loriana, anch'io sono alle prese con il (tentativo di) riordinare..essendo una riciclosa di natura e non per "moda" ho accumulato nel tempo un bel po' di materiale..per forza di cose sono costretta ad eliminarne una parte e questo cozza contro i miei principi ma..mica posso trasformare casa in una discarica...bisogna proprio insistere a far ridurre gli imballaggi!!
    Bellissima la storia per immagini che hai postato, grazie!
    Buona domenica
    Carmen

    RispondiElimina
  5. bellissimo post. dovute riflessioni..e non aggiungo altro:)..se non ..felice domenica

    RispondiElimina
  6. Bello il tuo slideshow sulla barra, Loriana. Interessante la storia che ti ha mandato il tuo amico, forse c'è una visione della povertà un pò troppo poetica, ma mi piace l'idea che trasmette di vivere più a contatto con la natura. Per quanto riguarda gli imballaggi hai proprio ragione: anch'io tante volte ho pensato che non hanno proprio senso confezioni anche più ingombranti dell'oggetto stesso. Sono tutte cose che poi devono essere smaltite....a meno di non trovare una riciclatrice come te: è davvero carino il biglietto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla storia concordo con te, è un po' troppo favola ma mi piace il finale...e poi sono delle foto fantastiche!

      Elimina
  7. Grazie di cuore per la tua visita!

    RispondiElimina
  8. A proposito di riordinare...ogni giorno guardo la mia scrivania e penso che devo sistemarla. Prima o poi mi deciderò a farlo. La storia è bella, le immagini stupende. Anche se sono d'accordo con Ninfa, comunque fa riflettere.
    Buona giornata e grazie della visita!

    RispondiElimina